Meseberg – O la quadra per i migranti o l’Ue si spaccherà

Italia, Germania e Francia hanno raggiunto degli accordi, non solo sui migranti. che prevedono la ratifica, del Consiglio europeo, del 28 e 29 giugno prossimi. Questa è la migliore premessa per evitare che l’Europa si spacchi. All’importante problema migranti si vanno ad aggiungere la riforma, economica economica e monetaria,   da realizzare in seguito. Merkel e Macron hanno dichiarato che la ” migrazione la considerano come sfida comune che richiede una risposta europea”. Rafforzamento Frontex, che finora non ha garantito il blocco del flusso, ma la formula nuova è la realizzazione di  piattaforme dove, l’Unione sia presente, e in breve tempo  sia in grado di verificare, chi ha il diritto di approdare nei Paesi dell’Unione e chi invece va, rimpatriato subito, in quanto migrante economico. Il Presidente Tajani in visita al governo austriaco ha sostenuto che l’Unione non è per campi di concentramento ma luoghi di accoglienza, gestiti e protetti dall’Onu, dove non ci siano violenze di nessun tipo. Le premesse per affrontare il problema che finalmente è stato riconosciuto non è soltanto italiano, unitamente a Grecia, Malta e Spagna. L’obiettivo è ridurre il flusso migratorio, rispetto al 2015 del 95% e di aiutare lo sviluppo dell’Africa, da dove partono, la maggior par te dei migranti. Un’ operazione che o viene allestita bene ed è efficace oppure l’Italia sarà costretta, suo malgrado, ad effettuare dei respingimenti molto complessi, una volta che i barconi sono giunti in acque inter nazionali  dove gli scafisti, abbandonano donne, vecchi e bambini, non accompagnati, al loro destino. In queste condizioni ovengono salvati o finiscono per aumentare l’enorme quantità di morti nel cimitero Medi terraneo. L’Ue deve comprendere che non si tratta di budget ma di evitare che, l’organizzazione di uno Stato venga messa a soqquadro da migranti, che non hanno diritto a stare in italia, ma vengono trattati meglio dei connazionali, ultimi per povertà. Una situazione intollerabile che consente, una lettura distorta dell’accoglienza dovuta, a chi fugge da guerre, e persecuzioni. Con u n margine così limitato di migranti sarà possibile una gestione umana. purchè distribuiti equamente in tutti i Paesi dell’Unione. Certo la Merkel ha il problema del ministro Csu, Horst Seehofer, che non vuole nè i migranti che già sono in Germania e nè quelli che arriverebbero dalle quote future. Ma questi problemi, non solo tedeschi, vanno risolti dai singoli Stati.

Roma – Gravi fatti contro migranti e Rom. Salvini sia attento!

” Dalle parole ai fatti”. Il Comune di Carmagnola, paese del torinese, amministrato dalla Lega ha risposto subito al ministro dell’Interno Matteo Salvini: abbattuta una casa abusiva in un campo Sinti. E il titolare del Viminale scrive in un tweet:” Prima gli italiani”. All’alba di oggi, 50 vigili della polizia locale di Firenze,  sono entrati nel campo Rom. Hanno trovato che tutti i nomadi erano autorizzati a stare in Italia ma le auto senza assicurazione. Quindi maxi multa da oltre 800 euro e sequestro delle vetture, rinvenuta carne avariata macellata non si sa dove e sporcizia, intorno al campo, tanto che interverrà il Comune e l’Ausl per una disinfezione generale dell’area. Ma è stato anche denunciato che a Caserta, tre ragazzi con una pistola ad aria compressa, al grido di ” Salvini, Salvini” hanno colpito due immigrati del Mali. beneficiari del progetto Sprar del Comune campano. Un episodio a sfondo razzista che deve preoccupare visto che, uno degli immigrati, è stato ferito. L’episodio risale all’11 giugno scorso, ma denunciato solo oggi, dal centro sociale  ex ca napificio che gestisce il progetto insieme alla comunità Rue delle suore Orsoline e Caritas. La battaglia ingaggiata dal ministro Salvini per ottenere ” ascolto”, dalla sorda Unione europea, per il possente problema dell’immigrazione ha ottenuto, sondaggi alla mano circa il 60% dei consensi, dall’opinione pubblica. Certamente c’è anche il problema dei Rom che non può però essere liquidato con censimenti ed espulsioni. Un problema per come vivono e cosa fanno per guadagnare. La maggior parte si occupava, di cavalli, macchine, usura e amuleti poi c’è stata la svolta, spaccio della droga almeno in alcune regioni dell’Italia centrale. Non c’è dubbio che c’è una parte degli italiani che li guarda con sospetto per il fatto che vivono senza lavorare. Ma non si può criminalizzare un’ intera etnia diversa dalla nostra per queste ragioni. L’odore della se mina di così pesante discriminazione è acre. Riporta alla mente il dramma degli ebrei sterminati dal demoniaco Hitler. Attenzione, a parole e gesti: la valanga può precipitare e travolgere tutto e tutti. “Allo parlar  aggio misura”.

Roma – Trump si vergogni! Bimbi disperati strappati ai genitori

Il Presidente degli Stati Uniti ha superato il senso dell’umanità. Passi la guerra alla Cina per il commercio. La guerra alla Germania della Merkel con l’affermazione che, dall’ingresso degli immigrati, la criminalità è aumentata del 10% anche se i dati sono “nascosti”. La guerra dei dazi con gli alleati storici al grido ” prima gli americani”. Questo Presidente prosegue a testa bassa ma nessuno, lo avrebbe mai votato, se avesse sapu to che da aprile a maggio di quest’anno, 2000 bambini sono stati strappati ai loro genitori, immigrati clandestini. Un anonimo, rimasto sconosciuto, ha registrato le urla disperate di 20 bambini, chiusi in gabbie di metallo, utilizzate per la frontiera doganale, che cercavano papà e mamma, come se non conoscessero, altre parole. Singhiozzi, talmente continui, da spezzare il respiro. Dobbiamo chiederci cosa sta accadendo nel mondo e se quella americana è ancora una democrazia. Per questi inqualificabili decisioni, prese dal Presidente Trump, c’è stata la clamorosa presa di posizione della first lady, Melania, che ha fatto dichiarare dalla sua portavoce, Stephanie Grisham, ” Credo che dobbiamo essere un Paese che segue tutte le leggi ma anche un Paese che si governa con il cuore”. Quelle grida disperate dei bambini che cercavano inutilmente i geni tori diventino, per il popolo americano, motivo di come liberarsi da un uomo così cinico e, per il mondo civile il monito, a non guardare più agli Stati Uniti, come il Paese della libertà, ma solo una nazione in caduta libera verso la barbarie. Trump sta rendendo gli Stati Uniti inaffidabili e bisogna dirlo con forza. Chi è capace di separare, bambini dai loro genitori gettandoli nella peggiore disperazione, non può che essere malato della sua presunta onnipotenza.