Roma – E’ moralmente inaccettabile quello che sta accadendo in Italia

E’ moralmente inaccettabile che il Premier Conte affermi:” Basta agli sbarchi di migranti: non si entra così in Italia” per poi dover constatare che non è cambiato nulla. E’ moralmente inaccettabile che giungano migranti, ammassati come bestie nei centri di prima accoglienza dove persone, sia pure clandestini, vengano infettate da Covid -19 così come è inaccettabile che avvenga uno smistamento, di questi migranti, in Comuni italiani senza che i sindaci ne sappiano nulla. E’ moralmente inaccettabile che si dichiari che, sarebbero stati organizzati voli charter per il rimpatrio dei migranti, senza titolo per essere accolti, per poi verificare che non è stato organizzato nulla. E’ moralmente inaccettabile che venga messo in pericolo la salute degli italiani per ” ospitare” chi sbarca illegalmente. Così come è moralmente inaccettabile che il governo non intervenga, con le sue varie articolazioni territoriali, per impedire assembramenti senza mascherine, per partecipare alle migliaia di “movide” che vengono organizzate in tutta Italia. E’ moralmente inaccettabile che i giovani, violino le norme sanitarie anti Covid – 19, per poi tornare a casa ed infettare anziani genitori o vecchi nonni.E’ moralmente inaccettabile che non pochi amministratori pubblici, a livello locale, chiudano gli occhi verso chi organizza manifestazioni ignorando le norme di sicurezza: distanza e mascherina così come, è moralmente inaccettabile che le carrozze dei treni usate dai pendolari, siano sporche e non disinfettate.

Roma – I nomi dei parlamentari che hanno preso il bonus Iva saranno noti a breve

Era ora! Il presidente dell’Inps Tridico è pronto a fare i nomi dei parlamentari che hanno incassato il bonus per le partite Iva. Chiaramente queste informazioni saranno trasmesse al Presidente della Camera Fico se ne farà formale richiesta che non potrà tardare visto che il garante alla privacy ha autorizzato la pubblicazione. Il M5S ha già messo le mani avanti: chi avrà preso il bonus non sarà ricandidato, una pena minima, nella considerazione che non si parla più di espulsione dal gruppo. Inoltre c’è la novità che 250 parlamentari del Movimento hanno rinunciato alla privacy a migliore dimostrazione che sono fuori da questo scandalo. Tra l’altro va anche detto che il Codacons ha presentato all’Inps una istanza di accesso agli atti. Il cerchio intorno ai parlamentari che hanno preso il bonus si sta stringendo sempre di più tanto che è prevedibile che la caccia, a questi profittatori del pubblico denaro, avrà fine con inevitabile gogna mediatica. Una vicenda disgustosa che dimostra come sono stati eletti in Parlamento persone che non rinunciano a nulla pur avendo uno ” stipendio” mensile che supera i 12 mila euro. Sembra però giusto che l’opinione pubblica sappia anche quanti e chi sono gli amministratori pubblici eletti, nei Consigli regionali e comunali e nelle giunte, visto che si parla, senza alcuna conferma, di circa 2000 politici che avrebbero riscosso il bonus. La reazione degli italiani a queste notizie, relativamente non solo ai parlamentari, è stata di sdegno.

Roma – Varato un documento, autunno – inverno, su come affrontare Covid -19

Per affrontare in modo condiviso il coronavirus nel modo più giusto è stato varato un documento, diffuso dall’Istituto Superiore di Sanità, con questo titolo:” Elementi di preparazione e risposta a Covid – 19 nella stagione  autunno – inverno 2020 – 2021″ elaborato  dal ministero per la Salute, Regioni e Province Autonome. Si tratta di una normativa valevole su tutto il territorio nazionale per evitare che ci siano decisioni frazionate. Sono previsti quattro scenari che vanno da focolai locali  fino ad una eventuale infezione difficilmente controllabile. Nel documento si parla di organizzare per tempo strutture sanitarie, posti letto, accessi in ospedale, medicina del territorio e checklist. Una iniziativa lodevole, nelle intenzioni e contenuti, nella considerazione che il Covid – 19 sta colpendo duro in molte nazioni, anche durante l’estate, e gli scienziati non prevedono che il virus smetta nella sua attività distruttiva nei prossimi mesi. Il tentativo è di organizzarsi al meglio in attesa di un vaccino che liberi l’umanità da questo flagello. Fino ad oggi, nonostante il comportamento anomalo di una fascia d’età di cittadini, la diffusione dell’infezione è contenuta in limiti ritenuti accettabili dal ministero per la Salute, ma è giusto prevedere come affrontare la situazione in modo ottimale, nell’immediato futuro ormai alle porte, quando tutte le attività produttive, uffici, scuole di ogni ordine e grado saranno in funzione. E’ indubbio che per evitare il peggio moltissimo dipenderà dal grado di responsabilità che ogni cittadino avrà nel rispettare rigorosamente le ormai notissime raccomandazioni: dal lavarsi spesso le mani fino all’uso delle mascherine sempre. La collaborazione di tutti eviterà, va detto a chiare lettere, di tornare indietro fino al “tutti a casa” con danni enormi e non sopportabili all’economia nazionale e all’istruzione.